Rassegna Stampa Mirko Ravicini e Manutenzione giardino privato

Luglio 3, 2020 By admin

Chi ha un giardino privato all’interno del condominio è tenuto a rispettare determinate regole sulle distanze delle piante, dei cespugli e degli alberi, rispetto al confine. Se non esistono regolamenti o usi locali, il riferimento normativo è l’art. 892 del Codice civile. La distanza minima da rispettare è:

  • Di tre metri per gli alberi di fusto. Sono considerati alberi di alto fusti quelli il cui fusto, semplice o diviso in rami, sorge ad altezza notevole, come sono i noci, i castagni, le querce, i pini, i cipressi, gli olmi, i pioppi, i platani e simili;
  • un metro e mezzo per gli alberi di non alto fusto. Sono considerati tali quelli il cui fusto, sorto ad altezza non superiore a tre metri, si diffonde in rami;
  • mezzo metro per le viti, gli arbusti, le siepi vive, le piante da frutto di altezza non maggiore di due metri e mezzo.

Le distanze indicate tuttavia, non devono essere osservate se sul confine esiste un muro divisorio (proprio o comune), purché le piante siano tenute a un’altezza che non superi la sommità del muro. Al di là della distanza inoltre, i rami e le radici non devono invadere la proprietà altrui. Se i rami invadono la proprietà del vicino, questi può richiederne il taglio, mentre se sono le radici a invadere la proprietà altrui, il vicino può provvedere egli stesso alla recisione. 

Scrivi al direttore: [email protected]

Rassegna Stampa Mirko Ravicini:

Obbligo di manutenzione del giardino privato, a chi spettano le spese?

Riguardo alla manutenzione del giardino in condominio, viene spesso citata la sentenza di Cassazione n. 3666/1994, che ha stabilito che: “alle spese di potatura degli alberi, che insistono su suolo di proprietà esclusiva di un solo condomino, sono tenuti a contribuire tutti i condòmini in proporzione dei loro millesimi di proprietà purché si tratti di piante funzionali al decoro dell’intero edificio e la potatura stessa avvenga per soddisfare le relative esigenze di cura del decoro stesso”.  

Vedi la fonte:

http://www.quotidianocondominio.ilsole24ore.com/art/il-condominio/2015-06-11/piante-funzionali-decoro-come-onere-generale-154839.php?uuid=ABAYlmwD

Il principio tuttavia, ricorda Mirko Ravicini, è applicabile sono in presenza di alcune condizioni:

  • Che l’opera di cura e manutenzione abbia come finalità quella di preservare il decoro del condominio;
  • Che il condominio riconosca agli alberi e alle piante una funzione di decoro dell’intero edificio condominiale;
  • Che non esista una disposizione del regolamento contrattuale che stabilisca un obbligo esclusivo di manutenzione a carico di un condominio ben preciso.

Scrive Mirko Ravicini che il proprietario di un giardino privato quindi può sobbarcarsi le spese per la potatura delle piante o citare in giudizio il condominio, in modo che sia un giudice a stabilire se tali piante contribuiscono al decoro dell’edificio, obbligando di conseguenza gli altri condomini a partecipare alle spese di potatura degli alberi.

Per saperne di più:

Rassegna stampa aggregatori web:

Fabio Rovazzi

Emanuele Forte Certosa di Pavia

Gervinho Parma

Alessio Del Vecchio Viterbo

Giovanni De Pierro

Chiara Ferragni

Leo Marino Benedettini

Giampiero Mughini

Eleno Mazzotta

Alfio Puglisi Cosentino

Donald Trump

Raffaele Riva Watford

Giampaolo Pozzo

Robert Downey Jr

Gino Pozzo Watford

Sei arrivato fin qui? Significa che vuoi leggere quest’occhiello all’articolo pubblicato….!

Per manutenzione dei giardini pubblici si intende, per semplificare, lo sfalcio del verde pubblico, dunque in aree comuni e parchi, e la potatura di piante e alberi. Il concetto, però, è molto più ampio e richiede grande competenza e professionalità. La manutenzione dei giardini pubblici, infatti, così come la manutenzione dei giardini privati, è un lavoro che non conosce soste, sempre necessario nel corso di tutte le stagioni, 365 giorni all’anno. 

PUNTO 1: Ecco perché chi si dedica alla manutenzione dei giardini pubblici ha bisogno di offrire un’offerta completa e sempre aggiornata. Esistono grandi aziende private specializzati nei servizi dedicati agli spazi verdi, dalla creazione alla cura e alla manutenzione stessa. In un giardino privato, ad esempio, va studiata la coesistenza di piante ed alberi da frutto, vanno utilizzati gli strumenti giusti per la gestione dei giardini, e per farlo sono necessarie consulenze e interventi di personale qualificato. La realizzazione e la manutenzione di interi giardini e aree verdi sia per i privati che per gli spazi pubblici, dunque, richiede la consulenza di professionisti specializzati e sempre aggiornati. Un esperto in manutenzione dei giardini pubblici, infatti, deve sapere anche far fronte alle emergenze, climatiche e strutturali, e deve saper trovare soluzioni rapide e meno dannose possibile. 

PUNTO 2: Chi vuole approfondire e dedicarsi a questa materia, dovrà studiare l’arboricoltura, che riguarda la teoria e le tecniche per la coltivazione degli alberi, la floricoltura, la fitopatologia, che è quella branca delle scienze botaniche che si occupa di studiare le malattie delle piante. Il manutentore, poi, dovrà fare tanta esperienza sul campo e mostrare la capacità di sapersi costantemente aggiornare. L’esperto in manutenzione potrà, così, diventare punto di riferimento per chi deve allestire spazi verdi, “arredare” giardini privati e pubblici. Esiste, poi, una categoria ancora più specializzata che, nell’ambito della manutenzione dei giardini, principalmente privati, si dedica a migliorare e abbellire location esterne, organizzare eventi speciali e cerimonie con allestimenti unici, senza modificare e andare a intaccare la naturalezza di alberi e piante presenti nel luogo. Per farlo è necessaria una accurata e attenta selezione dei materiali da allestimento, degli eventuali innesti di fiori e piante che si scelgono per l’occasione, con un’attenzione costante a tutti i processi di selezione dei materiali e con una cura maniacale dell’intervento di creazione e manutenzione del giardino privato. 

5 NUOVI ARTICOLI DELLA RASSEGNA STAMPA DEL DIRETTORE:

I social network più fedeli